“THANKS FOR THE FIRE” AQUINO – GUIDI – RABBIA TRIO

“THANKS FOR THE FIRE” AQUINO – GUIDI – RABBIA TRIO

GIOVANNI GUIDI – piano

LUCA AQUINO – tromba

MICHELE RABBIA – batteria

Un triangolo praticamente perfetto quello instaurato tra il  pianista folignate, il trombettista campano e il multiforme percussionista piemontese. Legati dal  filo conduttore  costituito dalla grande curiosità che non li ancora a dei linguaggi risaputi e banali, da una grande attrazione per la componente melodica, dall’audacia nell’avventurarsi su percorsi  spesso inusuali, dalla  capacità di arrivare all’essenza della ricerca espressiva, dalla naturalezza dell’ascolto reciproco, i tre affrontano un repertorio dove la tradizione melodica italiana, venata dai colori delle musiche mediterranee si fonde con lo spirito del blues e le suggestioni e il lirismo dei silenzi del Nord.

LUCA AQUINO

Luca Aquino è un trombettista, flicornista e compositore. Nasce a Benevento nel 1974. Il primo strumento che inizia a suonare è la tromba, all’età di diciannove anni, folgorato dal suono largo e caldo di Miles Davis. La abbandona dopo due anni. Ammaliato dal soffio di Chet Baker (il suo secondo vero amore), la tromba rientra prepotentemente nella sua vita ed è a questo punto che capisce di appartenere completamente alla musica. Infatti, riprende la tromba per non smettere più di suonare.
 Luca è autodidatta. Pochi maestri, tra i quali Paolo Fresu. 
E tanti dischi da ascoltare… 

Dopo vari progetti internazionali e il premio internazionale per solisti “Massimo Urbani”, nel 2008 pubblica il suo primo album solista: “Sopra le nuvole” prodotto da Universal Music a cui fanno seguito nel 2009 “Lunaria” con ospite Roy Hargrove e Maria Pia De Vito e vince il premio “Musica Jazz” come miglior talento del jazz italiano.
Dopo varie collaborazioni fondamentali, per la sua crescita artistica e professionale, con Jon Hassell, Enrico Rava e Paolo Fresu e oltre settecento concerti in tutto il mondo, nel 2012 entra in pianta stabile nel quartetto del batterista Manu Katchè e nel 2013 pubblica, con una nuova formazione, il suo nuovo album: “aQustico”.
Nello stesso periodo di tempo, ha partecipato ad oltre cento ulteriori registrazioni, spaziando dal jazz all’hip hop, dal grunge alla musica d’autore, dal metal al pop, ha inciso colonne sonore e ha ideato e dirige il festival d’arte “Riverberi”. 
E tanti concerti e collaborazione, ovunque. Perchè Luca ama soprattutto suonare, libero e senza imposizioni.

MICHELE RABBIA

Michele Rabbia è un vero funambolo della batteria e di tutto ciò che si può percuotere. Nato a Torino nel ‘65, dopo i primi studi alla “Scuola Civica di Savigliano”, sotto la guida del Maestro Giorgio Artoni, è cresciuto con i corsi di batteria del maestro Enrico Lucchini. Nel 1989, negli Usa, ha studiato con Alan Dawson e Joe Hunt. Rientrato in Italia e trasferitosi a Roma, dal ‘94 col gruppo Aires Tango guidato dal sassofonista argentino Javier Girotto ha registrato sette dischi esibendosi in oltre 300 concerti, anche con Enrico Rava, Paolo Fresu, Peppe Servillo e Gianni Coscia.
L’interesse per la musica improvvisata lo ha avvicinato a performer come Michel Godard, Rita Marcotulli, Charlie Mariano, Antonello Salis, Marc Ducret , con i quali ha collaborato in studio e dal vivo. In teatro, Michele Rabbia ha lavorato con Fausto Paravidino, David Riondino e Mara Baronti; nella danza, con Tery J. Weikel, Magda Borould Pascal, Rossella Fiumi e con la compagnia di teatro-danza di Pisa; nella letteratura con la scrittrice Dacia Maraini e nella pittura con Gabriele Amadori.

ENGLISH

GIOVANNI GUIDI: piano

LUCA AQUINO: trumpet

MICHELE RABBIA:  percussion

LUCA AQUINO is a trumpet and flugel horn player and composer. He was born in Benevento in 1974. His first instrument was the trumpet when he was 19. He was fascinated, in fact,  by the warm and wide Miles Davis’ sound. He quit  playing after only two years. Fascinated by the Chat Baker sound he Pick the trumpet up for the second time without quitting anymore. Luca learned playing all by himself . He had just a few teachers, one of them is Paolo Fresu. He took part to many international projects. He received the international “Massimo Urbani” award as solo artist and in 2008 he released his first album as solo artist: “Sopra Le Nuvole”, recorded by Universal Music. In 2009, with Roy Hargrove and Maria Pia De Vito, he recorded  “Lunaria” cd  that won the “Musica Jazz “ magazine award as best italian talent. He worked with important musicians, such as :Jon Hassell, Enrico Rava and Paolo Fresu, and performed in over seven hundreds gigs all around the world. In 2012 became one of the drummer Manu Katchè’s quartet elements and in 2013 released, as solo artist, his latest album: “aQustico”. He took part to hundreds  recording sessions, from jazz music to hip hop, from grunge to metal and pop music. He even created the “Riverberi” art festival because Luca is a free artist who loves playing without impositions.

MICHELE RABBIA is a real thightrope walker of drums and every kind of percussion instruments in general. He was born in Turin in 1965. After a first approach to the instrument with Giorgio Artoni, he grew up with Enrico Lucchini’s drums courses. In 1989, in the USA, he studied with Alan Dawson and Joe Hunt. Since 1994, when he moved back  to Italy (in Rome) , he has played with “Aires Tango “group. With This group, leaded by the Argentinian sax player Javier Girotto, he recorded seven albums performing in over three hundreds gigs. He also played  with some others important musicians such as Enrico Rava, Paolo Fresu, Peppe Servillo and Gianni Coscia. His passion for improvisations made him play, live and in studio, with Michel Godard, Rita Marcotulli, Charlie Mariano, Antonello Salis, Marc Ducret and many others. He also experienced others artistic flieds, collaborating with dance performers and companies and with artists such as Gabriele Amadori.

 

Categories: Progetti